Risotto col tartufo di Ilaria Bertinelli

Una ricetta dagli ingredienti semplici ma anche ricercati, ideale da gustare a tavola in autunno o inverno

di Cristiano Bacchieri

Ultima Modifica: 05/11/2018

Ilaria Bertinelli, imprenditrice parmense, food blogger e autrice di “Uno chef per Gaia” è la vincitrice dell’edizione 2017 del contest Rice Food Blogger” riconosciuto (è alla sua settima edizione), come uno degli eventi più partecipati dalle food blogger italiane (lo scorso anno hanno partecipato alle selezioni 170 Foodblogger da tutta Italia).

Ilaria ci regala una ricetta speciale di un risotto col tartufo  dal nome curioso. “Nella vecchia fattoria…arrivò un tartufo” è il titolo di questo piatto che unisce tanti ingredienti semplici  a uno ricercato che cambia le carte in tavola: il tartufo bianco appunto.

Un perfetto primo piatto autunnale, profumato e gourmet. Anzi, un piatto unico vista la presenza anche di carne e formaggio. Confort food d’elezione per le giornate fredde, è un perfetto piatto della domenica o per una cena con ospiti, formale o informale. Abbinala a birra rossa se è una serata con amici o a Barolo se amate restare nelle langhe anche con il vino.
Buon appetito!

Risotto “Nella vecchia fattoria…arrivò un tartufo”

Chef Ilaria Bertinelli

Ingredienti

  • 2 litri circa brodo vegetale preparato in precedenza
  • qb tartufo bianco di Alba
  • 360 gr riso
  • 150 gr carni miste (agnello, manzo, maiale, salsiccia)
  • 150 gr vino bianco
  • 85 gr mozzarella fiordilatte
  • 70 gr Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 30 gr burro
  • 30 gr carota
  • 30 gr cipolla
  • 15 gr sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • qb olio extra vergine di oliva, timo, menta, brodo vegetale, sale, pepe, peperoncino

Istruzioni

  1. Preparate prima di tutto il ragù di carne. Mettete circa 20 g di olio extra vergine in un pentolino con il trito di cipolla, carota e sedano e uno spicchio d’aglio. Lasciate ammorbidire e imbiondire il trito, poi aggiungete la salsiccia ben sgranata, quindi le altre carni tagliate a cubettini e lasciate rosolare bene. Sfumate con metà del vino bianco, aggiustate di sale e aggiungete 2 rametti di timo e un mestolo scarso di brodo; lasciate cuocere per circa 30 minuti, poi togliete aglio e timo.

  2. Preparate la crema di mozzarella fiordilatte; tagliatela a pezzetti, mettetela nel bicchiere del frullatore e aggiungete un mezzo mestolo di brodo vegetale, quindi frullate in modo da ottenere una crema. Tagliate a pezzettini una parte di tartufo, aggiungetelo alla mozzarella e frullate nuovamente in modo da ottenere un composto omogeneo. Aggiustate di sale e mettete da parte.

  3. Prendete una padella antiaderente e tagliate un disco di carta forno della dimensione della padella stessa. Mescolate 30 g di parmigiano grattugiato con del tartufo grattugiato e spolverate il composto sulla carta forno. Mettete la padella sul fuoco e fate in modo che il formaggio si sciolga senza bruciare, quindi allontanate la padella dal fuoco e lasciate raffreddare il formaggio.

  4. Iniziate a preparare il riso. Mettete un filo d’olio in un tegame e fatevi tostare il riso a fuoco vivace (a me sono serviti 3 minuti per avere i chicchi ben trasparenti con la parte centrale bianca). Aggiungete il ragù di carne e sfumate il tutto con il vino bianco restante. Iniziate ad aggiungere il brodo bollente. Continuate a mescolare e unite il brodo solo quando il riso sarà quasi asciutto; portate a cottura.

  5. Spegnete il fuoco lasciando il riso ancora al dente e iniziate a mantecare con 30 g di burro ben freddo e 1 cucchiaio abbondante di crema di mozzarella e tartufo in modo che l’amido si liberi e vada a formare una bella cremina; quindi aggiungete anche il Parmigiano grattugiato e continuate a mescolare fino a quando sarà completamente amalgamato. Profumate con 3 foglioline di menta tritate finemente. Lasciate riposare il risotto per almeno 1 minuto coperto da un canovaccio.

  6. Impiattate mettendo qualche ciuffetto di crema di mozzarella al tartufo a temperatura ambiente sulla superficie del risotto e dei pezzetti di cialda di parmigiano al tartufo.

  7. Buon appetito!

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Web editor