fbpx

Roccaverano è Città del Formaggio 2022

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 20/12/2021

Si conclude un anno positivo per il prodotto tipico Robiola di Roccaverano Dop e la sua “casa,” Roccaverano, diventa Città del Formaggio 2022. Questa l’ultima delle buone notizie che hanno interessato la Dop e la sua area di produzione quest’anno.

Grazie alla segnalazione della delegazione di Asti, l’Onaf Nazionale intende infatti insignire il comune di Roccaverano del titolo di “Città del Formaggio 2022”.

Come ha sottolineato Onaf tra le motivazioni:

 Roccaverano è la piccola capitale della Langa Astigiana, il paese più alto, il più rappresentativo, il più esteso, quello che giustifica l’essenza montana dell’intero territorio. Nessun paese della Langa astigiana è ricco di opere d’arte come Roccaverano, che può vantare, tra le altre cose, una delle più belle e armoniose piazze del Piemonte. L’insieme monumentale di castello e torre, unitamente alla parrocchiale bramantesca, costituisce il cuore del paese, la sintesi della sua storia e delle sue vicende.
La Robiola di Roccaverano DOP è un formaggio storico, le sue origini risalgono alle popolazioni Liguri che abitavano queste vallate e che producevano un formaggio con le stesse tecniche utilizzate oggi ottenendo un prodotto molto simile a quello che tutti conosciamo.

Si conclude quindi con una bella notizia un anno positivo per il famoso formaggio, che è stato anche tra i vincitori dall’Italian Cheese Awards 2020 – 2021. Nella categoria Fresco il premio è andato alla Robiola di Roccaverano DOP della Cascina Adorno, storico produttore di Ponti.

La produzione di Robiola di Roccaverano DOP si è attestata in questo  2021 sui numeri dello scorso anno, quando fu registrato un aumento produttivo di circa il 4%. Al 31 ottobre 2021 le forme prodotte erano stimate in circa 450 mila unità il che fa prevedere una costante produttiva pari al 2020.

Non solo: il progetto Rob-In è stato un successo nonostante il problema pandemia. La Roccaverano con gli altri prodotti del territorio d’origine ha coinvolto tanti appassionati di cose buone e della bellezza delle nostre colline. I presupposti per continuare ci sono tutti e il progetto di promozione ,con a capofila il Consorzio di Tutela del formaggio Robiola di Roccaverano Dop, ha consentito la partecipazione a più eventi: degustazioni, escursioni, momenti di confronto sempre con la Robiola di Roccaverano al centro dell’attenzione.

Infine, giovedì 23 dicembre anche il consorzio sarà al Festival Urbano di Gastronomia di Alessandria: ad invitare i prodotturi è stata Silvia Paoli della Pasticceria Mamu di Alessandria, nominata Cavaliere della Robiola per aver aiutato il Consorzio durante il lockdown organizzando il primo gruppo d’acquisto al quale tanti altri ne sono seguiti.

Leggi anche:

Dall’antipasto al dolce: tre ricette con la Robiola di Roccaverano Dop

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista