Orecchiette rucola e peperoncino: un piatto, 3 modi per gustarle

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 11/06/2019

Parliamo di piatti veloci estivi con prodotti del territorio. Oggi prendiamo ispirazione dalla Puglia e dalla sua pasta simbolo, le orecchiette, per proporvi una ricetta che diventano due: piatto freddo estivo super veloce e piatto di stagione facile pronto subito e buono anche il giorno dopo. Le orecchiette con rucola fresca e peperoncino.

Bastano pochissimi ingredienti per preparare questa ricetta super versatile: rucola fresca, orecchiette, peperoncino in polvere, olio extravergine d’oliva (di quello buono), uno spicchio d’aglio, parmigiano reggiano.

Un piatto, tre modi di gustarlo

Se si sbollentano le orecchiette, si può preparare un piatto freddo estivo, cuocendo solo la pasta e poi mescolandola in una terrina con la rucola tagliata a pezzetti, l’aglio tritato, l’olio a crudo, il grana, il peperoncino. Coprire e lasciar raffreddare, e poi mettere in frigo fino al momento di portare in tavola, magari guarnendo il tutto con qualche pomodorino crudo tagliato a pezzetti appena prima di servire.

Quando fa caldo la voglia di stare ai fornelli è poca e con questa ricetta nel tempo che si prepara la pasta, si potrà assemblare un primo piatto in pochi minuti, anche da essere consumato fresco in un secondo momento.

E’ anche un piatto per risparmiare tempo e per non sprecare nulla in cucina: infatti gli avanzi potranno essere saltati il giorno dopo in padella oppure passati in forno con un’aggiunta di grana o pecorino giusto il tempo di far dorare la crosticina, per offrire un’altra versione davvero golosa di queste orecchiette.

La rucola: superfood facile da coltivare in terrazzo

La rucola inoltre è un’erba facile da coltivare nell’orto o anche per il vaso in terrazzo. Basta avere l’accortezza di non mettere troppi semi vicini e bagnare spesso il terriccio finchè non è cresciuta la piantina. Le proprietà della rucola sono numerose, tanto da considerarla un vero e proprio superfood.  In uno studio del 2014 pubblicato sul Journal of preventing chronic disease infatti, una ricercatrice ha confrontato la densità nutraceutica di alcuni ortaggi, rispetto alla densità energetica evidenziando come la rucola sia un vero superfood, in quanto è fra le specie che contengono 17 nutrienti considerati essenziali per la salute pubblica secondo la FAO, con il minimo apporto calorico. Ricca di fibre, vitamine, minerali, si dice anche abbia anche proprietà afrodisiache.

Troppo spesso relegata a insalata “semplice” a ripieno per una piadina golosa o per accompagnare la bresaola (leggi anche Bresaola: ecco perchè l’hai sempre preparata nel modo sbagliato ) , è un perfetto alleato per i piatti estivi: creando un pesto fresco al posto del classico basilico per insaporire primi piatti o accompagnare come salsa un secondo. Sbollentata, insaporisce una semplice omelette. Cruda, diventa un goloso ripieno con prosciutto e formaggio per involtini di carne o saltimbocca.

La ricetta

Orecchiette con rucola e peperoncino

Rucola fresca, peperoncino tritato, aglio, olio buono e orecchiette pugliesi: pochi ingredienti freschi per preparare un super piatto estivo perfetto da gustare freddo, al forno o per un pranzo goloso da preparare fretta. Ecco come farle a casa!

Piatto primo piatto
Cucina Italian
Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 500 g orecchiette
  • 1 spicchio aglio
  • qb sale
  • qb olio extra vergine d'oliva
  • qb peperoncino

Istruzioni

  1. Lavare e sbollentare la rucola e passarla nell'olio bollente dove abbiamo messo uno spicchio di aglio

  2. Insaporire con peperoncino

  3. Cucinare a parte le orecchiette in abbondante acqua salata, scolarle e versarle nella casseruola con olio e rucola.

  4. Mescolare e lasciar insaporire qualche minuto in padella prima di servire.

Note

Tra le varianti di questo piatto, puoi aggiungere al termine del piatto la rucola tritata fresca senza averla cotta in precedenza, nella padella dove avrai saltato le orecchiette scolate con aglio e peperoncino. 

Non aver paura di cucinarne di più: quelle avanzate sono ottime passate dieci minuti in forno caldo con grana e pecorino o con tocchetti di provola dolce. 

Leggi anche:

Viaggio alla scoperta del pane in Puglia, il Granaio d’Italia

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista