Prodotti tipici del Veneto: oltre il Prosecco c’è molto di più!

di Collaboratori

Ultima Modifica: 15/05/2020

Una delle principali caratteristiche dei prodotti tipici del Veneto è l’incredibile sapidità, che accomuna tutti gli alimenti e le bontà di questa terra: dalla A di Asiago alla R di Radicchio, passando dalla B di Bigoli e dalla P di Pandoro, quindi, ma anche lievitati, pesce (ah, il pesce come lo fanno in Veneto, un esempio lo potete scoprire dai pescatori di Caorle), pasta fresca, burro e molto altro ancora.

Non solo ottimi vini insomma, il Veneto è tra le regioni trainanti del comparto dell’agroalimentare italiano con una ricchissima varietà di materie prime e piatti tipici e “riti” locali, come i bacari veneziani, le tradizionali “tapas” di Venezia, con prodotti tipici e ricette del territorio.

Alcuni dei prodotti tipici veneti sono strettamente legati anche a ricette storiche, che attraversano il tempo e le cucine da generazione in generazione: basti pensare ad esempio alle sarde in saor, o al baccalà alla vicentina, ai bigoli con anatra. Altri prodotti, invece, sono strettamente legati a un’area geografica veneta molto circoscritta.

Ecco quindi un invitante elenco dei prodotti tipici veneti che potete scoprire, dai più celebri ai (forse) meno noti, tutti da assaggiare o preparare.

Formaggio Asiago

L’Asiago è un celebre formaggio Dop, vaccino, proveniente da Asiago, nelle malghe. Le tipologie “ufficiali” e riconosciute di formaggio Asiago sono stagionato e fresco, chiamati rispettivamente d’allevo e pressato.

Dal sapore o delicato o quasi pungente, si sposa molto bene con carni, verdure, salumi, panificati, frutta e confetture, miele.

Cipolla bianca di Chioggia

Anche la cipolla bianca di Chioggia è un prodotto prezioso per il Veneto, così particolare e dal sapore importante: è impiegata in molte pietanze tipiche venete, molto sapide anch’esse. La cipolla di Chioggia è un ingrediente fondamentale delle tipiche sarde in saor.

Anguilla di Livenza

L’anguilla di Livenza è una tipica anguilla dalla pelle chiara, e che si trova in due diverse stagionalità: in estate si pescano quelle fiumane – ovvero gli esemplari che dal fiume nuotano verso il mare – mentre in primavera si pescano quelle marine.

Bigoli

I bigoli sono un tipico formato di pasta fresca, con semola rimacinata e trafilata in bronzo. All’aspetto ricorda degli spaghettoni, molto corposi e spessi, da condire come si preferisce. Particolarmente apprezzati, tuttavia, i condimenti tipici: il ragù di anatra è la prima scelta, un classico da assaggiare almeno una volta nella vita. 

Baccalà

Chiamato da sempre baccalà alla vicentina o alla veneziana, in realtà questa pietanza prevede stoccafisso: se il baccalà è merluzzo sotto sale, lo stoccafisso è merluzzo essiccato che va necessariamente ammollato prima dell’uso. Questo è poi mantecato con latte e aromi, per ottenere una crema irresistibile servita su crostini, polenta e altro. (leggi la ricetta del baccalà alla vicentina)

Pandoro

Il pandoro non ha certo bisogno di presentazioni, ma nonostante sia diventato un lievitato natalizio iconico in Italia, che se la gioca ogni anno con il panettone, è bene ricordare che è un prodotto tipico del Veneto. Verona è la sua città natia.

Burro di malga

Il burro di malga è un prodotto tipico incredibile, che crea dipendenza. Si tratta di un burro da panna vaccina, derivata da vacche al pascolo, con una percentuale di grasso particolarmente alta: il gusto intenso vien da sé.

Mandorlato

Spesso associato al torrone, che si consuma nelle Feste come il pandoro, è un prodotto delizioso, antico di cinquecento anni e originario di Cologna Veneta. Gli ingredienti sono semplici: albume, mandorle, miele, zucchero, ostia.

Giuggiole dei Colli Euganei

Le giuggiole, paragonabili alle ciliegie, sono frutti prelibati e dolcissimi. Non crescono solamente in eneto, ma il terreno calcareo presente nei Colli Euganei le rende particolarmente buone e prelibate.

Radicchio di Treviso

Un altro ortaggio, oltre alla cipolla di Chioggia, che rappresenta il Veneto è il radicchio rosso di Treviso: ha una spiccata ma piacevole amarezza, attenuata nella varietà tardiva che si riconosce per le estremità arricciate delle foglie.

Prodotti tipici veneti DOP

  • Aglio Bianco Polesano DOP
  • Marrone di San Zeno DOP
  •  Miele delle Dolomiti bellunesi DOP
  • Prosciutto Veneto Berico Euganeo DOP
  • Salamini Italiani alla Cacciatora DOP
  • Sopressa Vicentina DOP
  • Cozza di Scardovari DOP
  • Casatella Trevigiana DOP
  • Asiago DOP
  •  Grana Padano DOP
  •  Monte Veronese DOP
  •  Piave DOP
  •  Provolone Valpadana DOP
  •  Taleggio DOP
  • Olio Extravergine di Oliva Garda DOP
  • Olio Extravergine di Oliva Veneto DOP

Prodotti tipici veneti IGP

  • Asparago Bianco di Cimadolmo IGP
  • Asparago di Badoere IGP
  • Fagioli di Lamon IGP
  • Marrone del Monfenera IGP
  • Marrone di Combai IGP
 (scopri tutti i marroni e le castagne italiani)
  • Pesca di Verona IGP
  • Radicchio di Chioggia IGP
  • Radicchio Rosso di Treviso IGP
  • Radicchio Variegato di Castelfranco IGP
  • Riso Vialone Nano Veronese IGP

Potrebbe interessarti anche:

Le moeche, le pepite d’oro iperlocali di Venezia

L’altra faccia di Venezia: i mercati ambulanti e le isole di laguna

Cucina padovana: pollo, galline ruspanti e cappone, ieri e oggi

Condividi L'Articolo

L'Autore

Collaboratori