fbpx

Pesche gialle, nettarine e a polpa bianca: guida alle varietà

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 15/09/2021

Succose, profumatissime, ottime da mangiare da sole oppure per preparare torte e dolci: le pesche sono un vero e proprio patrimonio nazionale.

Che siano a polpa bianca o gialla, pesche noci oppure tabacchiere, è difficile trovare qualcuno a cui non piacciono le pesche: come orientarsi però nell’acquisto e riconoscere le diverse varietà?

Ecco una guida sintetica per saperne di più sulle proprietà delle pesche e imparare a riconoscerle.

Leggi anche:

Pesche ripiene al forno, ricetta tipica piemontese

Ghiaccioli fatti in casa con yogurt, pesche e nettarine Igp

Pesche: proprietà e benefici

pesche-nettarine

Digestive e depurative, le pesche sono anche relativamente poco caloriche e, come tutta la frutta e la verdura, ricche di fibra.

Per avere un’idea più precisa, 100 g di pesche

  • 89 g di acqua
  • 1 g di fibre
  • 10 g di fruttosio, cioè zucchero
  • 39 kilocalorie in totale

Mangiare le pesche, così come albicocche, fragole e ciliegie, significa fare il pieno di vitamine, soprattutto la vitamina C, antiossidanti e minerali, soprattutto potassio e fosforo.

Varietà di pesche

pesche-proprietà

Quante varietà di pesche esistono? Vediamo le principali:

  • Pesca gialla: la più conosciuta, dalla polpa gialla e la buccia vellutata. Le più diffuse sono Collins, La gialla di Padova, Haleaven, June Gold, Red Haven
  • Pesca bianca: simile esteriormente alla gialla, ha la polpa bianca. le più diffuse sono Fior di maggio, Veronese, Michelini e K2
  • Pesca nettarina o pesca noce: dalla buccia liscia e la polpa gialla o bianca, troviamo varietà come Indipendence, Fantasia e Stark Red Gold 6
  • Pesca tabacchiera o saturnina: ha la caratteristica forma piatta e una polpa bianca e particolarmente zuccherina
  • Percocche: coltivate soprattutto in Italia del Sud, sono varietà dalla polpa gialla e soda, usate soprattutto per la preparazione delle pesche sciroppate
  • Pesca di Verona Igp: pesche e nettarine coltivate in 18 comuni della provincia di Verona e protette dal Consorzio di Tutela

Ne avete comprate in abbondanza? Potete usarle per preparare un profumato clafoutis, dolce tipico francese, oppure preparare la marmellata!

Ti piace la frutta? Approfondisci le proprietà di:

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici