fbpx

Tre ricette autunnali dalle osterie contadine dell’Alto Adige

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 20/10/2021

Castagne, vino novello, canederli, salsicce con crauti e krapfen, le frittelle ripiene di marmellata: sono le ricette autunnali tipiche dell’Alto Adige durante l’autunno. O meglio durante il törggelen, quel periodo magico tra ottobre e novembre quando si va per locande camminando tra i boschi e condividendo robuste merende a base di prodotti tipici.

Leggi anche: I prodotti tipici del Trentino Alto Adige tra malghe, osterie e pascoli

Clai - la felicità è condividere

Una tradizione medievale

L’origine del törggelen è molto antica: risale all’epoca medievale, quando i feudatari davano l’ordine ai contadini di iniziare la vendemmia. Lo conferma anche l’etimologia: törggelen deriva da torculum, cioè la parola latina che indicava il torchio, strumento utilizzato per la spremitura dell’uva. L’autunno era ovviamente la stagione consacrata alla vendemmia e le giornate si concludevano intorno al falò, con un sorso di vino novello e castagne arrostite sul fuoco.

Nel corso dei secoli l’usanza del törggelen è rimasta, modificandosi con gli usi e i costumi: spariti i feudatari, è rimasta la vendemmia, da celebrare con merende genuine consumate nelle Stube dei masi, cioè le osterie contadine.

Leggi anche:

Menù autunnale, i piatti da portare in tavola

Ricette autunnali: torta di castagne e noci senza zucchero nè farina

Torta soffice alla zucca

Tagliatelle con farine di castagne, un piatto molto autunnale!
ricette-autunnali-alto-adige
Credit foto: Frieder Blickle /Roter Hahn

Ricette autunnali

Scopriamo insieme tre ricette altoatesine tipiche di questo periodo, prese direttamente dai masi del Gallo Rosso, l’associazione che raggruppa gli agriturismi tipici della regione.

Zuppa di castagne

Piatto Soup
Cucina Altoatesina
Keyword castagne
Porzioni 4 persone
Chef Maso Oberlegar di Terlano

Ingredienti

  • 300 g castagne essiccate
  • 150 g fagioli secchi
  • sale
  • zucchero
  • cannella

Istruzioni

  1. Mettere a mollo separatamente le castagne e i fagioli per una notte, quindi il giorno dopo scolarli. 

  2. Togliere, se necessario, la pellicina dalle castagne.

  3. Mettere le castagne e i fagioli in un'unica pentola, aggiungere un litro d'acqua e cuocere per circa 90 minuti.

  4. A fine cottura condire con sale, zucchero e cannella, quindi frullare il tutto e servire la zuppa calda.

Blattlen con crauti

Piatto Appetizer
Cucina Altoatesina
Keyword crauti
Porzioni 4 persone
Chef Maso Oberpartegger di Villandro

Ingredienti

  • 600 g patate farinose
  • 2 tuorli d'uovo
  • 500 g crauti cotti
  • 400 g farina
  • 2 cucchiai burro sciolto
  • sale
  • olio per friggere

Istruzioni

  1. Cuocere le patate in acqua salata, farle raffreddare e passarle.

  2. Unire alla massa di patate i tuorli, il burro sciolto, la farina e il sale, quindi lavorare velocemente l’impasto. 

  3. Stendere la pasta fino a uno spessore di 2 mm, ritagliare dei piccoli cerchi di circa 8 cm di diametro e posarli su un canovaccio.

  4. Friggere i cerchi nell’olio bollente, lasciarli sgocciolare bene e servirli caldi insieme ai crauti.

Krapfen, frittelle dolci

Piatto Dessert
Cucina Altoatesina
Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 220 g farina di frumento
  • 180 g farina di segale
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 2 cucchiai panna
  • 2 cucchiai burro
  • 100 ml latte
  • sale
  • marmellata
  • olio per friggere

Istruzioni

  1. Impastare le farine, l'uovo, il tuorlo, la panna, il burro, l'olio, il latte e il sale e far riposare per un'ora. 

  2. Lavorare l'impasto una seconda volta, quindi stenderlo ricavando delle sfoglie ovali.

  3. Riempirle di marmellata (marmellata di castagne, prugne, albicocche), chiuderle a mezzaluna schiacciando bene sui bordi e ritagliarle con una rotella tagliapasta.

  4. Friggere i Krapfen finché saranno ben dorati. Asciugarli su carta assorbente e servirli ancora caldi.

Scopri tutte le ricette di InformaCibo!

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici